Prime notizie di Eleonora dal Tanzania
Ciao Don Paolo,
Sono Eleonora scrivo dalla missione di Makambako. Il viaggio in aereo e’ stato abbastanza tranquillo, ma dal Cairo a Dar es Salaam abbiamo viaggiato di notte ed e’ stato impossibile dormire.
A Dar. Ci siamo fermate per un giorno, la citta’ è piuttosto grande e si sta rimodernizzando. Il viaggio per Makambako e’ stato straordinario, 800 km in jeep! Abbiamo incontrato durante il tragitto diversi animali: giraffe, elefanti, zebre, corvi, ting ting, ecc... siamo arrivate alla missione alle 20 passate e gia’ per strada si notava la forte differenza di vita tra Dar. e qui, Makambako mostra i segni di un villaggio in via di sviluppo che ogni anno aumenta la popolazione del 10%! Sono circa 80 mila abitanti. Le condioni di vita le potete immaginare, case fatte di legno o di terra ricoperte da un tetto di lamiera, poca presenza di fognature, e l’igiene lascia alquanto a desiderare ma mantengono una mentalita’ ancora legata alle tradizioni che e’ motivo di unione, di solidarieta’e di senso di appartenenza, cio’che ormai in Italia non esiste piu’. Il problema maggiore quaggiu’ e’ l’ignoranza, perche’ il non conoscere non permette loro di svilupparsi, ma e’ ancora piu’ negativo il conoscere tutto contemporaneamente, infatti mentre la nostra evoluzione e’ stata graduale, loro passano dalla zappa al cellulare, come ci diceva lo stesso Padre Remo, e questo non comporta un vero sviluppo. Il lavoro che svolge Padre Remo qui e’ fondamentale, dopo il suo arrivo sono sorte diverse scuole, nate nuove chiese, ristrutturate nuove case.
Appena siamo arrivate ci siamo subito sentite osservate, perche’ alcuni quaggiu’ non sono contenti della presenza degli “nzungu” (i bianchi i senso dispregiativo), e’ un po’ quello che succede da noi con gli extracomunitari, pero’ se riescono ad entrare in confidenza con te sono delle persone affettuosissime e gentili, certo non tutte. Oggi abbiamo assistito ad un matrimonio, e’ stato memorabile, balli, canti, musica, riti particolari, ti coinvolgeva completamente.
Per quanto riguarda il cibo sono giorni che mangiamo riso e pollo, pero’ meglio di niente!!! Il nostro lavoro con i bambini deve ancora iniziare, credo che domani comincera’.
Ora ti lascio, ci sentiamo presto. Ciao ciao
Ah... il mio stato d’animo per ora e’ sotto controllo... ho troppe cose da fare per deprimermi!!! =) e comunque e’ un’esperienza fantastica, sicuramente aiuta a crescere e a maturare.. avevo bisogno di sentirmi utile, di fare qualcosa di eccezionale, di rompere la quotidianita’, di distaccarmi da cio che e’superficiale.. insomma, avevo bisogno di andare oltre!!!

 

Parrocchia S.S. Ilario e Donato - Via Cesare Battisti, n.129 - 63021 Amandola (FM) - Tel +39 0736 848644
e.mail: info@amandolaparrocchia.it