Santa Maria delle Grazie e S.Vincenzo
SANTA MARIA DELLE GRAZIE E SAN VINCENZO
In origine era la “cura” dei Santi Vincenzo e Anastasio, con sede nell’omonimo monastero Benedettino (antichissimo, fondato nel sec. VIII se non addirittura ai tempi di San Benedetto; comunque citato in un documento del 1073).
Gode’ di giurisdizione feudale su vasto territorio e nel 1306 l’Abate del tempo con la licenza del Vescovo fermano vendette ad Amandola una ventina di Castelli e ville con i relativi abitanti, che poterono così confluire nel nuovo Comune.
Anche la giurisdizione ecclesiastica era vasta, se, nonostante tante parrocchie si fossero rese autonome nel corso dei secoli, nel 1830 comprendeva ancora le seguenti contrade: Buscareto, Campo di Mascio, Casa Coletta, Casalicchio, Cestoni, Corvello, Francalancia, Garulla da capo, Garulla da Piedi, Moglietta, Paterno, Suitullo e Valle da capo.

Per il territorio ancora troppo vasto e, soprattutto scomodo, gli abitanti di Garulla, che lamentavano di dover attraversare sette fossi per andare alla Messa all’Abbadia, chiesero ed ottennero lo smembramento in due distinte Parrocchie: la prima dei S.S. Vincenzo e Anastasio e l’altra di S. Maria delle Grazie in Garulla (Bolla pontificia del 9.06.1830 e decreto della Curia di Fermo del 6.09.1830).

Le chiese sotto la giurisdizione della prima sono:
San Barnaba in Villa Moglietta
Sacra Famiglia, nella Villa Casalicchio
San Vincenzo e Beato Antonio nella Villa Francalancia, della famiglia Ferranti
Madonna del Carmine nella Villa Casa Coletta della famiglia Serra
San Michele Arcangelo, chiesa antichissima (nel 1238 ne era cappellano un certo Baroncellus). Nel 1857 vi fu trasportata la campana della Chiesa della Pace, datata 1587, con l’iscrizione che ricorda la “liberazione della patria”, probabilmente dalla piaga del brigantaggio.

Le chiese della seconda sono: le due chiese dedicate a Santa Maria delle Grazie, una a Garulla inferiore (da piedi) e una a Garulla superiore (da capo);
la Chiesa di Santa Maria della Pace, titolo occasionato da una pace avvenuta, secondo la tradizione, tra amandolesi e sarnanesi nel 1586.

In tempi recenti, dal 1984, le due Parrocchie sono state riunificate con il titolo di Santa Maria delle Grazie e San Vincenzo.

Ultimi Parroci di Garulla (prima della riunificazione):
+ Don Gioacchino Guglielmi dal al 1930
+ Don Domenico Paradisi, economo spirituale nel 1931
+ Don Paolo Giampaoli, dal 1931 al 1937
+ Don Enrico Gramanti, economo spirituale nel 1938
+ Don Gioacchino Gramanti dal 1939 al 1947
+ Don Giulio Diomedi, economo spirituale nel 1948
+ Don Ruffino Colò, dal 1949 al 1983.

Ultimi parroci di S.Vincenzo e Anastasio:
+ Don Domenico Paradisi dal 1924 al 1932
+ Don Paolo Giampaoli, economo spirituale nel 1932
+ Don Enrico Gramanti, dal 1932 al 1943
+ Don Raffaele Pieroni, dal 1944 al 1961
+ Don Giuseppe Sardellini, economo spirituale nel 1962
+ Don Carlo Papiri, dal 1963 al 2003
Don Paolo De Angelis, dal 2003 ad oggi

 

Parrocchia S.S. Ilario e Donato - Via Cesare Battisti, n.129 - 63021 Amandola (FM) - Tel +39 0736 848644
e.mail: info@amandolaparrocchia.it