Santa Maria della Meta
Inizialmente semplice “pentura de la Meta”, di cui parla il Consiglio comunale di Amandola del 19.07.1416, divenne chiesa per opera delle famiglie della zona nel 1613.
Nel 1766 assorbì la cura rurale di San Donato. Ha avuto sotto la sua giurisdizione le seguenti chiese: S. Carlo, alle Piane, dei signori Manardi,
Sposalizio di Maria Vergine, in contrada del signor Ricci-Pasqualetti,
Addolorata, chiesuola alle Montane dei signori Pascucci,
Santa Maria in Portella o Sportella

In tempi recenti, nel 1975, le è stata unita la Parrocchia di San Cristofaro che godeva del titolo di Prepositura già dal 1470, titolo riconfermato nel 1570 dal Card. Bandini arcivescovo fermano.
A sua volta la Cura di San Cristofaro aveva assorbito le cure, prima distinte, di Sant’Ippolito in Vesciano e di Santa Maria in Vesciano. Non si sa l’epoca di questa annessione: è però sicuro che nel 1573 erano cure distinte e nel 1729 risultavano annesse alla Prepositura di San Cristofaro, ove risiedeva il prevosto.
Oltre alle chiese già elencate la Prepositura di San Cristofaro aveva giurisdizione anche su
S. Maria di Piana, vicina al fosso di Calluco, presso Amandola
B. Vergine del Buon Consiglio, fabbricata circa il 1860 (per suo comodo in zona di Vesciano dal canonico Domenico Marcolini).

Ultimi parroci a San Cristoforo (prima della unificazione)
+ Don Pasquale Mentili, dal 1910 al 1941
+ Don Elio Jacopini, economo spirituale nel 1941-1942
+ Don Quinto Roscioli, dal 1942 al 1975

Ultimi Parroci di Santa Maria della Meta
+ Don Francesco Guglielmi, dal 1921 al 1936
+ Don Evaristo Cardarelli, dal 1036 al 1951
Don Giuseppe Orlandi, dal 1952 al 2003
Don Paolo De Angelis, dal 2003 al 2008

 

Parrocchia S.S. Ilario e Donato - Via Cesare Battisti, n.129 - 63021 Amandola (FM) - Tel +39 0736 848644
e.mail: info@amandolaparrocchia.it